TORELLI Giuseppe
The Original Brandenburg Concertos
Charivari Agréable
Kah-Ming Ng
SIGNUM
SIGCD 157
1 CD
62’30"

****

Questa nuova incisione dell’etichetta discografica britannica Signum Classic ci presenta i 12 Concerti Musicali a quattro Opera Sesta di Giuseppe Torelli (1658 - 1709), eseguiti dal gruppo strumentale Charivari Agréable diretto dal clavicembalista e musicologo malese Kah-Ming Ng. Un piccolo omaggio per celebrare il tricentenario della morte di un autore, che pur essendo stato un profondo innovatore nel campo musicale, è spesso trascurato dalla discografia.

Torelli compì gli studi a Verona, sua città natale, si trasferì quindi a Bologna, dove fu allievo di Giacomo Antonio Perti (1661–1756), maestro di cappella nella chiesa metropolitana di San Pietro e quindi nella basilica di San Petronio. Qui entrò nell'Accademia Filarmonica come violinista, e successivamente nell'orchestra della Basilica di San Petronio, presso la quale suonò fino allo scioglimento della stessa avvenuto nel 1696. Nel 1698 si trasferì in Prussia, alla corte di Georg Friedrich II, Margravio di Brandenburg-Ansbach, dove per due anni ricoprì il ruolo di Konzertmeister. Nel 1701 tornò definitivamente a Bologna, dove fu nominato violinista nella ricostituita orchestra di San Petronio, e dove rimase fino alla morte.

Nel periodo in cui lavorò presso la corte prussiana, Torelli compose i dodici Concerti Musicali op. 6 che dedicò a Sofia Charlotta di Brunswick-Lüneburg Elettrice di Brandenburg, futura regina di Prussia. Donna colta e illuminata, appassionata di scienza e musica, contribuì alla creazione di un clima di particolare prosperità culturale ed economica di Berlino, che trasformò in un centro europeo di scienze e cultura. Alla sua corte accolse numerosi musicisti, tra i quali Arcangelo Corelli e Giovanni Bononcini, al quale conferì l'incarico della direzione di un teatro d'opera italiano, e filosofi quali Gottfried Leibniz. Fondò l'Università di Halle, contribuì alla fondazione dell'Accademia Prussiana delle Scienze e dell'Accademia delle Belle Arti. A lei si deve anche la costruzione del Castello nei pressi di Berlino, che da lei prese il nome di Charlottenburg.

Questa raccolta torelliana, pubblicata ad Augusta nel 1698, riveste un particolare interesse storico in quanto contiene i primi tre esempi di una nuova forma che vede uno strumento solista, nella fattispecie un violino solo, contrapposto all'orchestra d'archi: il n.6 in do minore, il n.10 in re minore e il n.12 in la maggiore. Si tratta di quelli che in assoluto vengono riconosciuti, nell’ambito della storia della musica, come i primi concerti per violino solista e accompagnamento orchestrale.

Per la loro esecuzione Torelli lasciò precise indicazioni di orchestrazione nella prefazione dell'opera: "Ti averto, che se in qualche Concerto troverai scritto solo, dovrà esser suonato da un solo Violino; il rimanente poi fa duplicare le parti etiamdio tre o quattro per stromento, che così scoprirai la mia intentione".

Ma le ulteriori novità introdotte da Torelli costituiscono veri punti di riferimento nello sviluppo del concerto, "Torelli propone anche un diverso schema formale, in tre movimenti (Allegro-Adagio-Allegro), mediato dalla sinfonia d’opera; tale schema s’imporrà subito come il più consono alla forma del concerto solistico, la cui caratteristica principale sarà quella di esaltare la funzione del solista in chiave dapprima di guida poi virtuoso. Dei tre tipi di concerto barocco (concerto grosso, concerto solistico, concerto di gruppo), quello solistico s’impose ben presto come il più comune e, dopo il 1750, rimase praticamente l’unico a rappresentare il genere". (A. Basso, L'età di Bach e di Händel).

A sottolineare l'importanza e l'influenza che questi Concerti Musicali ebbero sull'evoluzione futura della musica è anche il titolo di questo compact: The original Brandenburg Concertos. Ci ricorda infatti Kah-Ming Ng che, nonostante stilisticamente essi ci portino più verso Corelli e Händel che a Johann Sebastian Bach, fu proprio sulla base della loro conoscenza che quest'ultimo, dodici anni dopo la morte di Torelli avvenuta nel 1709, scrisse i suoi Sei concerti con più strumenti, dedicati al margravio brandeburghese Friedrich Wilhelm, passati poi alla storia come Concerti Brandeburghesi.

Charivari Agréable è un gruppo musicale creato nel 1993 presso l’Università di Oxford e specializzato nell’esecuzione di musica antica con strumenti d’epoca. Il nome, piuttosto originale, potrebbe essere tradotto come "piacevole tumulto". L’esecuzione di Kah-Ming Ng e del suo ensemble si mantiene su una linea mediana tra innovazione e tradizione, ma non per questo risulta meno interessante. Il suono dolce e caldo, risulta sempre gradevole, ricco, pieno, lontano da certe asprezze cui ci hanno abituato gli interpreti più "estremi" di questo repertorio, e per questo può essere considerato "di tradizione". Ne deriva un ascolto rasserenante, agréable appunto, come il nome di chi lo esegue.

L’accurato lavoro di revisione condotto da Kah-Ming Ng ci permette di apprezzare al meglio non solo l’importanza costruttiva e la creatività di queste composizioni, ma soprattutto la loro bellezza, esaltandone sia l’equilibrio che l’espressività, con leggerezza di tocco e generosità interpretativa che ci permettono di godere di questi concerti proprio per quello che sono, e non per il loro significato storico. Kah-Ming Ng ha applicato filologicamente tutte le indicazioni esecutive scritte da Torelli utilizzando una strumentazione sofisticata, rafforzata nelle duplicazioni delle parti con strumenti a fiato, oboi, flauti, fagotto, comunque coerente alla prassi dell'epoca.

Accurata è anche la registrazione, avvenuta nella chiesa di St. Andrews a Toddington, Gloucestershire, in grado di riprodurre un ambiente sonoro con buona profondità e spazialità degli strumenti.

Silvano Santandrea

Associazione culturale Orfeo nella rete
http://www.orfeonellarete.it/
info@orfeonellarete.it
Designed by www.soluzioniweb-bologna.it